Categoria: Cosa fare

san piero

San Piero in Bagno

Posto nel fondovalle lungo il fiume Savio e la Strada di Grande Comunicazione E/45,  San Piero in Bagno è il centro più importante e il capoluogo del comune di Bagno di Romagna con attività edili, forestali, metallurgiche, dell’abbigliamento ed una buona rete di servizi, ristoranti, alberghi, strutture per il tempo libero e lo sport.
Sorto nel XIII secolo come “mercatale” del soprastante castello di Corzano, si è sviluppato con la lunga dominazione fiorentina e tutt’ora il mercato del mercoledì mattina è un giorno di incontro, scambio e risate tra tutti gli abitanti della zona e delle vallate circostanti.

Continua a leggere
pontini1

LAGO DEI PONTINI E LAGO LUNGO

Il Lago dei Pontini (748 mt slm) e il Lago Lungo (616 mt slm) si sono formati a seguito di un’ enorme frana staccatasi il 15 febbraio del 1855 da San Cataldo, nel versante nord-ovest del monte Còmero, che, nella sua lenta colata, distrusse una cinquantina di abitazioni, per poi raggiungere il Savio sbarrandone temporaneamente il corso.
Intorno ad essi si trova un antico castagneto che annovera molte piante secolari.
Entrambi sono luoghi ideali per svago e relax e ad ogni stagione la natura regala, a chi passa di quà, un assaggio della propria magia ed antica saggezza. Oggi  il lago più grande (2,5 ettari) è quello dei Pontini – circondati da secolari castagni e da una natura lussureggiante.
Vi sono punti di ristoro con specialità gastronomiche locali, aree per pic-nic, sentieri per piccole escursioni a piedi, in MTB o a cavallo.
Trote, carpe, tinche, lucci permettono le più diverse tecniche di pesca in ogni stagione; vi si organizzano gare e scuole di pesca sportiva.
Immersi in uno splendido paesaggio naturale si possono assaporare piatti tipici della tradizione tosco-romagnola, con sapori ed aromi che ricordano l’’antica arte della cucina nostrana.

Continua a leggere
Michele Manuzzi 30 settembre 2012-26-SKA_7461

PARCO NAZIONALE DELLE FORESTE CASENTINESI, MONTE FALTERONA E CAMPIGNA

Esattamente alle nostre spalle, a cavallo tra la Romagna e la Toscana,si estende una delle aree verdi più belle d’Europa, il Parco Nazionale delle foreste Casentinesi, Monte Falterona e Campigna.
Si tratta di 36.000 ettari di boschi, fiumi, uccelli, siti archeologici, mammiferi, fiori, rocce, cascate, erbivori,crinali, vallate, leggende e luoghi spirituali. Dell’ampia area protetta tra le province di Forlì-Cesena, Arezzo e Firenze, fanno parte le Valli romagnole del Montone, del Rabbi e del Bidente, diviso nei tre rami di Corniolo, Ridracoli e Pietrapazza che si congiungono poco a monte di Santa Sofia.

Continua a leggere
11866336_442172982656447_4931504323107210039_n

Parco Indiano “IL SALICE”

Ebbene si, a San Piero in Bagno sulle sponde del Lago Lungo, all’interno di una splendida cornice naturale, tra laghi e boschi di querce, faggi e castagni, sorge un vero e proprio parco Indiano!
Un incontro tra spirito e natura.

Continua a leggere
DSC_0706

TUTTO IL BIO CHE C’è…attorno a noi

Se vi piace scoprire le realtà biologiche ed ecosostenibili in giro per l’Italia ecco un elenco di tutto ciò che potete incontrare nei dintorni della Fattoria dell’Autosufficienza.

BAGNO DI ROMAGNA

L’agriturismo INCISA:

Nato dalla ristrutturazione degli edifici rurali in sasso del Granducato di Toscana, risalenti al XVIII sec.
lasciando intatto però l’aspetto originario della struttura, stile e materiali d’epoca.
Qui puoi assaporare la tipica cucina romagnola: i primi piatti vengono fatti esclusivamente a mano utilizzando farine biologiche di grano aziendale macinate a pietra e conditi con carni, funghi e/o tartufi; le carni bovine, ovine e suine provengono dai loro allevamenti (BIO) e sapientemente lavorate nella macelleria aziendale.

Continua a leggere
DSC_1365

LA FLORA SPONTANEA nel territorio della Fattoria

FELCI E PTERIDOFITE

-Equiseto (Equisetum sylvaticum, Equisetum arvense)
Felce aquilina (Pteridium aquilinum)

Continua a leggere
stelle principe

PRENDERE LE STELLE!

C’è una cosa che amo fare più di qualsiasi altra quando sono in Fattoria…prendere le stelle!!
No, non sono impazzita..ma a Cesena non posso mai farlo, ci sono troppe luci, eppure siamo cosi poco “illuminati”..e anche l’aria che respiri è piena di stress.
E così alla sera, finiti i lavori diurni, se la temperatura lo permette, esco fuori, scelgo un angolo di prato e mi stendo a naso in su.. non servono occhiali ne creme solari, non c’è il rumore del mare ma c’è un concerto di rane, cicale, uccellini, il fruscio del vento e lascio a voi la sorpresa di scoprire quanti altri suoni escono dal bosco.

Continua a leggere

MOUNTAIN BIKE

Siete arrivati alla Fattoria dell’Autosufficienza con la vostra Mountain Bike??…bhè complimenti!!
Se invece siete arrivati con un altro mezzo ma con la bici al seguito…complimenti lo stesso, di sicuro avrete buone intenzioni!!
In entrambi i casi non vi resta che dissetarvi con il vostro Welcome Drink e scoprire subito i mille sentieri che potete attraversare con la vostra bici!

Continua a leggere
DSC_1214

ARRAMPICARE…

La maggior parte dell’Appennino settentrionale è composto dalla Marnoso-Arenacea.
Una formazione rocciosa che conferisce la tipica struttura a strati visibili in molti punti scoperti dalla vegetazione; mentre l’arenaria può formare dei lastroni anche molto resistenti, la marna “purtroppo” è decisamente friabile e per questo non adatta ad un’attività come l’arrampicata che richiede invece una roccia molto compatta e resistente.
Per il piacere di molti però, i movimenti geologici nel corso delle ere hanno fatto si che arrivassero anche in queste zone degli scogli calcarei: dei veri e propri zatteroni che si sono spostati circa 20 milioni di anni fa fino alla posizione attuale…e adesso sono lì, tutti in fila: il Monte Fumaiolo, le Balze di Verghereto, san Marino, Sasso Simone e Simoncello, San Leo, Perticara, Scorticata, ecc…guarda caso tutti posti molto frequentati dagli appassionati di climbing.

Continua a leggere
DSCN0340

CAVALCARE NEI BOSCHI

Nel montare un cavallo..

possiamo assaggiare la libertà”

 

Capita, facendo dei trekking, di incontrare qualcuno che attraversa il bosco a cavallo, e molti di voi sicuramente penseranno “cavoli, piacerebbe anche a me”.

Continua a leggere