Autore: luca_2m6919je

Visitare La Fattoria dell’Autosufficienza

La Fattoria dell’Autosufficienza è visitabile da Maggio ad Ottobre da persone, famiglie e gruppi. Dal piazzale di fronte all’ingresso del bio-agriturismo saliremo verso la FoodForest e i terrazzamenti di erbe aromatiche, passando dalle postazioni per le arnie brulicanti di api. Verranno mostrati gli swales (fossi livellari) e il sistema idrico della Fattoria. Dall’alto potremo godere di una vista sui campi seminativi di cereali antichi, sui ciliegi e le piante da frutto di ogni tipo e varietà.

L’orto bio-intensivo alla Fattoria dell’Autosufficienza

Alla Fattoria dell’autosufficienza dal 2016 coltiviamo ortaggi per l’agriturismo, la vendita diretta e il negozio Macrolibrarsi Store di Cesena con il metodo bio-intensivo. “Bio” perché rispetta la normativa del biologico (in realtà va molto oltre), “intensivo” perché imita la densità e la diversità delle foreste vergini. Lo stesso metodo in inglese viene spesso indicato come “market garden”.
Non usiamo nessun tipo di fertilizzante artificiale e l’unica cura dei “parassiti” è la prevenzione.
Incrementando la biodiversità e la qualità del suolo invitiamo i microorganismi benefici a svilupparsi e a riprendere il controllo del nostro suolo che instaura un’armonia dinamica con le piante.  Piante sane, su un terreno sano ed in luogo sano semplicemente non si ammalano.

AGRICOLTURA SINERGICA

Non si può parlare di agricoltura sinergica senza parlare della sua ideatrice, la spagnola Emilia Hazelip (1937 – 2003) che ha maturato e poi diffuso questo metodo ispirandosi ai principi dell’agricoltura del non fare di Masanobu Fukuoka (“La rivoluzione del filo di paglia”)  e della permacultura di Bill Mollison (“Introduzione alla permacultura”).
I principi della Permacultura che Emilia ha fatto più suoi sono certamente il vivere senza distruggere ed ottenere una produzione migliore col minimo consumo.
D’altra parte, il lavoro di Fukuoka è stato per Emilia la dimostrazione che la lavorazione della terra non è necessaria, ma si possono ottenere risultati duraturi e produzioni di qualità mantenendo in modo permanente l’auto-fertilità del suolo selvatico.

Intervista di Sepp Holzer a Francesco Rosso

Diventato famoso come “Il contadino ribelle”, Sepp Holzer ha elaborato come nessun altro il concetto di permacultura con un impegno totale in questa direzione. Holzer ha alle spalle più di quarant’anni di agricoltura alternativa, in cui ha sperimentato una varietà infinita di tecniche. Questo ha fatto di lui il più famoso permacultore di Europa.
Sepp Holzer realizza progetti in permacultura in tutto il mondo con grande successo, sia che si tratti di piccole che di grosse aziende, sia che si trovino nel deserto che nella Siberia.

LA PASTA DELLA FATTORIA: più che biologica, da grani antichi e locali

Alla Fattoria dell’Autosufficienza si coltivano sole cose buone..per la salute e per l’ambiente!
I grani antichi altro non sono che varietà del passato rimaste autentiche e orginali, ovvero che non hanno subìto alcuna modificazione da parte dell’uomo per aumentarne la resa. Un esempio tra i più conosciuti a livello nazionale è il Senatore Cappelli ma ne esistono molti altri a seconda della regione di produzione. Esistono ad esempio il Saragolla, la Tumminia, il Grano Monococco, il Gentil Rosso, la Verna, il Rieti, ecc.

COME REALIZZARE UNA FOOD FOREST (foresta commestibile)

Chiamata anche foresta giardino, foresta commestibile e orto-bosco, la Food Forest è una coltivazione multiuso e multifunzione in cui trovano collocazione alberi da legno, piante da frutto, erbe medicinali, ortaggi e tanto altro, in sinergia con le piante spontanee e gli animali. La Food Forest può essere realizzata in un angolo del giardino oppure in estensioni di terreno molto ampie, si può anche convertire un bosco o un frutteto già esistente.

LA VITA SEGRETA DEGLI ALBERI / 9-10 Settembre 2016 / SOLD OUT

ATTENZIONE! QUESTO CORSO HA RAGGIUNTO IL NUMERO MASSIMO DI ISCRITTI PER CUI NON POSSIAMO ACCETTARE ULTERIORI PARTECIPANTI.

Seminario con Peter Wohlleben e Michele Giovagnoli
Cose incredibili accadono nella foresta: alberi che comunicano tra loro e che, con affetto, si prendono cura dei propri figli e dei vicini anziani e malati.
Alberi che provano sentimenti, sensazioni, e che hanno una memoria. Incredibile? Ma è così!
Il guardaboschi Peter Wohlleben racconta storie affascinanti sulle capacità più inaspettate e sorprendenti degli alberi: nelle sue storie sulle insospettate capacità degli alberi, l’autore del libro La Vita Segreta degli Alberi (bestseller in Germania e US, oltre 350.000 copie vendute) dà spazio alle più recenti scoperte scientifiche oltre che alle sue esperienze dirette. Facciamo conoscenza con creature che finora ci sembravano familiari, ma che qui, per la prima volta, si presentano in tutta la loro vivacità, dandoci accesso ad un mondo completamente nuovo.