Categoria: Permacultura

Bill Mollison: la rivoluzione travestita da giardinaggio

di Elena Parmiggiani

Il ricordo dell’uomo che ha concepito nuovi ecosistemi legati alla permacultura e ha cambiato il modo di pensare di milioni di persone.

Il 24 settembre scorso Bill Mollison, co-fondatore della permacultura, si è spento a Hobart, Tasmania (AU). Ho avuto la fortuna di conoscerlo nel 2010, quando ho partecipato al suo Corso di Progettazione in Permacultura a Istanbul, in Turchia, insieme a Geoff Lawton, credo in uno dei suoi ultimi corsi tenuti per intero. Durante questo corso di permacultura, ho imparato alcune cose importanti che porterò sempre con me. Vorrei condividerle con voi, perché Mollison avrebbe sicuramente voluto che fossero patrimonio di tutti. Lui, che ha partecipato alla vita di tanti progetti, che ha insegnato all’università, ma diceva sempre che era sclerotizzata e dannosa. Lui che ha contaminato così tante persone con la sua visione ecosistemica legatissima ai modelli naturali e che ha portato alla luce per tutti noi un nuovo modo di pensare il mondo e di viverci.

AGRICOLTURA SINERGICA

Non si può parlare di agricoltura sinergica senza parlare della sua ideatrice, la spagnola Emilia Hazelip (1937 – 2003) che ha maturato e poi diffuso questo metodo ispirandosi ai principi dell’agricoltura del non fare di Masanobu Fukuoka (“La rivoluzione del filo di paglia”)  e della permacultura di Bill Mollison (“Introduzione alla permacultura”).
I principi della Permacultura che Emilia ha fatto più suoi sono certamente il vivere senza distruggere ed ottenere una produzione migliore col minimo consumo.
D’altra parte, il lavoro di Fukuoka è stato per Emilia la dimostrazione che la lavorazione della terra non è necessaria, ma si possono ottenere risultati duraturi e produzioni di qualità mantenendo in modo permanente l’auto-fertilità del suolo selvatico.

L’IMPORTANZA DELL’ACQUA in Permacultura e non solo..

L’esempio di Sepp Holzer che ha costruito un sistema di 60 laghetti nella fattoria sulle Alpi

L’acqua è di vitale importanza, è la vita stessa ed è la chiave per la sopravvivenza dell’umanità su questo pianeta. Soprattutto oggi che le risorse idriche scarseggiano è importante saperle sfruttare in modo intelligente, risparmiandole.

Per questo motivo l’acqua è uno dei temi fondamentali della permacultura di Sepp Holzer, il contadino austriaco che ha fatto della sua fattoria nel cuore delle Alpi un esempio di agricoltura armonica con la natura.

I 60 laghetti sulle Alpi

Intervista di Sepp Holzer a Francesco Rosso

Diventato famoso come “Il contadino ribelle”, Sepp Holzer ha elaborato come nessun altro il concetto di permacultura con un impegno totale in questa direzione. Holzer ha alle spalle più di quarant’anni di agricoltura alternativa, in cui ha sperimentato una varietà infinita di tecniche. Questo ha fatto di lui il più famoso permacultore di Europa.
Sepp Holzer realizza progetti in permacultura in tutto il mondo con grande successo, sia che si tratti di piccole che di grosse aziende, sia che si trovino nel deserto che nella Siberia.

COME REALIZZARE UNA FOOD FOREST (foresta commestibile)

Chiamata anche foresta giardino, foresta commestibile e orto-bosco, la Food Forest è una coltivazione multiuso e multifunzione in cui trovano collocazione alberi da legno, piante da frutto, erbe medicinali, ortaggi e tanto altro, in sinergia con le piante spontanee e gli animali. La Food Forest può essere realizzata in un angolo del giardino oppure in estensioni di terreno molto ampie, si può anche convertire un bosco o un frutteto già esistente.

PERMACOLTURA: il buono, il brutto e…

La permacultura prende gli ecosistemi naturali come modello per orti, fattorie, case e insediamenti.
Lo scopo è di impiegare poco lavoro, avere un alto rendimento e un impatto ecologico positivo.
Ciò è abbastanza semplice, ma il quadro è leggermente complicato perché in realtà ci sono due tipi di permacultura.
Da una parte c’è la permacultura originale, come l’hanno concepita David Holmgren e Bill Mollison nel loro primo libro, Permacultura. È un’imitazione quasi letterale degli ecosistemi naturali.